Biomassa

Biomasse - Bild 1

Il termine "biomassa" indica tutto il materiale organico prodotto direttamente o indirettamente attraverso la fotosintesi, e che non ha subito trasformazioni dovute a processi geologici (diversamente dalla biomassa fossile, ovvero petrolio, carbone e gas naturale). Nello sfruttamento della biomassa a fini energetici viene liberato solamente tanto CO2 quanto ne è stato fissato, con l'ausilio dell'energia solare, dal processo di fotosintesi. Dalla biomassa è possibile produrre calore, elettricità o carburante.

Si distingue tra biomassa secca, legnosa e biomassa umida, poco legnosa. Rientrano nella prima categoria il legname proveniente da boschi e da campi, i resti di legname e i rifiuti organici solidi provenienti da industria, artigianato ed economie domestiche. Alla seconda categoria sono attribuiti, ad esempio, concimi di fattoria (liquami e letame), residui dei raccolti agricoli e rifiuti biogeni dell'industria alimentare, della gastronomia e delle economie domestiche.

Esistono diverse modalità di conversione energetica delle biomasse. La scelta è dettata principalmente dal tipo e dalla composizione della biomassa e dall'energia finale che si desidera ottenere (calore, elettricità o carburante). Ad esempio, la biomassa lignocellulosica e secca (legnosa) è trasformata mediante processi termici o termochimici (combustione, gassificazione), mentre per la biomassa poco legnosa e umida si opta perlopiù per processi di conversione biochimica (fermentazione).

In Svizzera le piante energetiche, vale a dire le piante coltivate appositamente per lo sfruttamento energetico, non rivestono grande importanza.

Documenti

Rapporti e pareri

Ecobilancio di prodotti energetici

Statistica svizzera delle energie rinnovabili

Statistica svizzera dell’energia del legno

https://www.bfe.admin.ch/content/bfe/it/home/approvvigionamento/energie-rinnovabili/biomassa.html