Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Fasi di un deposito in strati geologici profondi

Dopo la conclusione dei lavori di costruzione, un deposito in strati geologici profondi viene gradualmente messo in funzione. Nel corso di diversi decenni possono tuttavia emergere nuove conoscenze. Alla fase di esercizio segue la fase di sorveglianza. Soltanto nel momento in cui, in base delle osservazioni svolte, si può affermare che la protezione duratura dell'uomo e dell'ambiente è assicurata, vengono ordinati i lavori di chiusura. La chiusura del deposito per le scorie debolmente e mediamente radioattive, nonché quella del deposito per le scorie altamente radioattive, non potrà essere realizzata prima del 2100.
Fonte: Nagra
Non appena saranno individuati i siti di ubicazione dei futuri depositi, sarà allestito un laboratorio sotterraneo, per sviluppare ulteriormente lo stato delle conoscenze sull'adeguatezza dei siti. Soltanto quando le attese sul sito saranno state pienamente confermate, i lavori di costruzione del deposito potranno concretamente iniziare.

Fase di costruzione

Il deposito in strati geologici profondi comprende una zona per esperimenti, un deposito pilota e un deposito principale. La zona per esperimenti ha la finalità di esaminare l'edificazione e l'esercizio di un deposito in strati geologici profondi. Grazie al deposito pilota viene sorvegliato il comportamento del sistema di barriere. Nel deposito principale vengono stoccate le scorie.

Fase d'esercizio

Un deposito in strati geologici profondi viene messo in funzione gradualmente. Il deposito pilota permette la sorveglianza sul lungo periodo e viene riempito prima dell'inizio dello stoccaggio nel deposito principale. In questo modo, si possono individuare tempestivamente eventuali non conformità e intraprendere le relative misure d'intervento. Dopo lo stoccaggio delle scorie, si procede a riempire le gallerie di deposito.

Fase di osservazione

Al termine delle operazioni di stoccaggio, la legge prevede una fase di osservazione più lunga, durante la quale deve essere possibile recuperare di nuovo le scorie senza grosse difficoltà. L'osservazione deve permettere di riconoscere tempestivamente eventuali sviluppi non conformi alle previsioni e di intervenire tempestivamente. Inoltre, questa fase permette anche di riconsiderare le conoscenze scientifiche alla luce delle recenti scoperte e di introdurre nuove tecnologie.

Chiusura

Dopo la fase di osservazione, le zone dell'impianto ancora aperte possono dunque essere riempite e sigillate. Soltanto quando la garanzia di sicurezza è assoluta, il deposito in strati geologici profondi viene chiuso.

Documenti utili

Programma di gestione delle scorie

Ulteriori informazioni

Programma di gestione delle scorie
Scadenzario
Il vostro interlocutore: Seraina Branschi
Ultima modifica: 30.11.2011


Fine zona contenuto





http://www.bfe.admin.ch/radioaktiveabfaelle/01276/02648/index.html?lang=it