Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Programmi precedenti

PACER

Nel ventesimo secolo le piccole centrali idrauliche sono state trascurate, anche se i piccoli impianti, oltre ad avere un notevole potenziale, possono spesso essere gestiti in modo economico. Per quanto riguarda lo sfruttamento della forza idrica, la priorità veniva data alle grandi centrali ad acqua fluente lungo i fiumi e agli impianti ad accumulazione nelle Alpi.

Qui si è innestato il programma PACER (Programme d‘Action Energies Renouvelables) dell'Ufficio federale dei problemi congiunturali, che è durato dal 1990 al 1996. Mettendo a disposizione di titolari di diritti d'acqua, Comuni, autorità cantonali, ingegneri e imprese una serie d'informazioni mirate e di basi decisionali, PACER ha reso ampiamente conosciuta la tecnologia, ormai matura, per lo sfruttamento della forza idrica e l'ha estesa a settori nei quali prima era poco diffusa.

Grazie a PACER, è stato inoltre possibile elaborare una serie di pubblicazioni che fanno ormai parte della letteratura standard del settore delle piccole centrali idrauliche.

Progetto DIANE 10 piccole centrali idrauliche – ritratto

Negli anni Novanta, nel quadro di Energia 2000, l'Ufficio federale dell'energia aveva lanciato sette progetti per l'affermazione di applicazioni innovative di nuove tecniche energetiche (Durchbruch Innovativer Anwendungen Neuer Energietechniken - DIANE). Il progetto DIANE 10 "piccole centrali idrauliche" era un ampio programma di incentivazione con un budget complessivo di 3 milioni di franchi e una durata di 6 anni, che rappresenta un'opportunità unica in questo settore. Esso era completato da iniziative di sostegno finanziario diretto da parte dell'Ufficio federale dell'energia (UFE).

Il progetto DIANE 10 promuoveva le piccole centrali idrauliche soprattutto dal punto di vista della domanda. A questo scopo, erano state valutate le potenzialità di impiego e gli ostacoli da superare, ed erano stati individuati percorsi di soluzione. Un lavoro sistematico di comunicazione mediatica aveva permesso di aumentare il grado di accettazione degli impianti da parte dell'opinione pubblica. DIANE offriva anche un servizio per fornire informazioni e consulenza individualizzate. Erano stati creati strumenti ausiliari, organizzate conferenze e allestite diverse pubblicazioni.

Dopo la conclusione di DIANE, l'Ufficio federale dell'energia ha proseguito l'attività di promozione con il programma Piccole centrali idrauliche.

Documenti utili

Pubblicazioni PACER
Pubblicazioni DIANE
Il vostro interlocutore: Martin Bölli
Ultima modifica: 08.10.2009


Fine zona contenuto





http://www.bfe.admin.ch/kleinwasserkraft/03870/03874/index.html?lang=it