Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Attività internazionali

La collaborazione internazionale persegue l'obiettivo di collegare la ricerca svizzera nel settore della geotermia con le attività internazionali in materia. A questo proposito, sono di particolare importanza:

  • il 7° Programma quadro UE per la ricerca e lo sviluppo tecnologico (7PQ), settore energia;
  • l'EGS Pilot Plant a Soultz-sous-Forêts;
  • il Geothermal Implementing Agreement dell'Agenzia internazionale dell'energia (AIE);
  • l'International Partnership for Geothermal Technology (IPGT)

Il 7° Programma quadro UE per la ricerca e lo sviluppo tecnologico prevede la promozione di progetti del settore EGS, con particolare riferimento alla problematica della sismicità indotta.

Il Geothermal ERA-NET

La Svizzera partecipa al progetto «Geothermal ERA-NET», che è stato approvato dalla Commissione europea e raggruppa i seguenti Paesi: Islanda (responsabile), Paesi Bassi, Germania, Francia, Italia, Ungheria, Slovacchia e Turchia. L'obiettivo del programma quadriennale è di migliorare la collaborazione e il coordinamento degli istituti di ricerca e sviluppo nazionali, con il fine ultimo di un programma di ricerca e di sviluppo coerente a livello europeo.

L'EGS Pilot Plant a Soultz-sous-Forêts

Sin dal 1987, la procedura di produzione dell'energia a partire da rocce plutoniche, calde e asciutte, viene sviluppata nella regione alsaziana di Soultz-sous-Forêts, che si trova al centro di una delle più grosse zone di anomalia termica dell'Europa centrale, 50 chilometri a nord di Strasburgo. Le condizioni geologiche a Soultz sono esemplari anche rispetto ad altre zone nella fossa dell'Alto Reno. Un gruppo internazionale di ricercatori, ingegneri ed esperti nel settore energetico provenienti da tutta l'Europa sta lavorando da molti anni a questo progetto innovatore.

La centrale elettrica geotermica di Soultz è gestita dal gruppo europeo di interesse economico (GEIE) "Wärmebergbau" (estrazione del calore geotermico), nato nel 1996 come società comune delle Pfalzwerke di Landau e dell'Electricité de Strasbourg. Da allora, altre imprese europee hanno aderito al progetto partecipandovi attivamente. L'obiettivo del GEIE consiste nella raccolta di esperienze sulla gestione e sul comportamento a lungo termine di uno scambiatore di calore ad elevata profondità. Nel giugno del 2008, a Soultz, per la prima volta a livello mondiale, è stata prodotta elettricità mediante una centrale elettrica geotermica EGS. L'impianto di Soultz dispone di una potenza installata di 1,5 MW. La fonte energetica dell'impianto si trova a 4000-4500 m di profondità in uno scambiatore di calore costruito artificialmente. Nel 2010 il progetto è entrato in una fase di produzione e test. La gestione è affidata a un consorzio di industrie tedesche e francesi, mentre i ricercatori vi accedono mediante un programma d'accompagnamento. Attraverso l'Ufficio federale dell'energia, la Svizzera finanzia un gruppo di ricerca. Inoltre, nel 2010 numerosi istituti universitari di ricerca si sono impegnati a favore della conclusione di accordi di cooperazione con il progetto EGS. Da dicembre 2009 e in parte nel 2010 sono stati condotti test di circolazione. Il programma scientifico d'accompagnamento si compone di uno studio del serbatoio durante una circolazione protratta nel tempo e di un esame delle prestazioni degli impianti sotterranei e di produzione. Il funzionamento della centrale elettrica è stato interrotto più volte a causa di problemi legati alle pompe di alimentazione.

Il Geothermal Implementing Agreement (GIA) dell'AIE

Con la partecipazione al Geothermal Implementing Agreement (GIA) dell'AIE, la Svizzera può intrattenere rapporti regolari con i Paesi all'avanguardia nel settore geotermico, accedendo così più facilmente a informazioni che altrimenti sarebbero state difficili da ottenere. Allo stesso tempo, è possibile classificare a livello internazionale i risultati svizzeri in materia di R&S e diffonderli attraverso i canali dell'AIE. La Svizzera è rappresentata nel comitato esecutivo da G. Siddiqi dell'UFE (membro dell'ExCo) e da R. Minder (membro alterno dell'ExCo). Attualmente sono attive le seguenti aree di lavoro ("Annexes"):

  • Annex I:  Environmental Impacts of Geothermal Energy;
  • Annex III:  Enhanced Geothermal Systems (EGS);
  • Annex VII:  Advanced Geothermal Drilling Techniques;
  • Annex VIII:  Direct Use of Geothermal Energy;
  • Annex X: Data Collection and Information;
  • Annex XI: Induced Seismicity.

I risultati dei lavori e i rapporti di sintesi possono essere consultati nella pagina Internet dell'AIE GIA.

L'International Partnership for Geothermal Technology (IPGT)

Questo partenariato è stato istituito nell'agosto 2008 da Australia, Islanda e USA; dal 2010 comprende anche la Svizzera. Nel 2011 si è aggiunta la Nuova Zelanda. L'IPGT si basa su un trattato internazionale che mira all'esecuzione di specifici progetti comuni, siano essi progetti pilota, di ricerca e sviluppo o di dimostrazione. In tal modo si intende incentivare lo sviluppo della geotermia di profondità, in particolare nell'ambito degli EGS. I campi d'attività dei sette gruppi di lavoro sono i seguenti: tecnologie di perforazione vantaggiose, strumenti di misurazione di temperature elevate, metodi di stimolazione, simulazioni numeriche, tecnologie di esplorazione e sismicità indotta. Alla luce delle esperienze del progetto EGS condotto a Basilea, i metodi più idonei in Svizzera sono la stimolazione e la sismicità indotta.

Link

EGS-Projekt Soultz-sous-fôrets Dieses Symbol soll Sie darauf hinweisen, dass der Link auf eine externe Seite geleitet wird und Sie sich somit ausserhalb unseres Dienstes befinden und wir keinerlei Gewährleistung für folgende Inhalte geben können.
IEA-Implementing Agreement on Geothermal Energy Research and Development Dieses Symbol soll Sie darauf hinweisen, dass der Link auf eine externe Seite geleitet wird und Sie sich somit ausserhalb unseres Dienstes befinden und wir keinerlei Gewährleistung für folgende Inhalte geben können.
International Partnership for Geothermal Technology Dieses Symbol soll Sie darauf hinweisen, dass der Link auf eine externe Seite geleitet wird und Sie sich somit ausserhalb unseres Dienstes befinden und wir keinerlei Gewährleistung für folgende Inhalte geben können.
Il vostro interlocutore: Gunter Siddiqi
Ultima modifica: 20.08.2012


Fine zona contenuto





http://www.bfe.admin.ch/forschunggeothermie/02336/02489/index.html?lang=it