Ufficio federale dell’energia UFE

Inizio selezione lingua

Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Progetti in corso

Valorizzazione materiale ed energetica dell'acqua di processo Kompogas mediante gassificazione idrotermale
Il procedimento Kompogas permette di produrre biogas, fertilizzante solido (compost) e liquido (acqua di processo) a partire da biomassa solida proveniente dai rifiuti. L'acqua di processo si ottiene mediante pressatura di resti umidi della fermentazione. Per ogni tonnellata di digestato si hanno circa 450 kg di acqua di processo contenente quantità significative di materiale organico e preziosi sali nutritivi. Oggi l'acqua di processo viene impiegata senza ulteriori trattamenti come fertilizzante naturale in agricoltura. Poiché in molte regioni del Nord Europa c'è sovrabbondanza di questi fertilizzanti, il loro smercio è sempre più difficile. Considerato che l'acqua di processo contiene ancora molto materiale organico, sarebbe auspicabile produrre ulteriori quantità di biogas. Un tempo di fermentazione più lungo permetterebbe ad esempio un maggiore rendimento gassoso. Tuttavia, poiché dopo circa 14 giorni rimane soltanto materiale organico difficilmente biodegradabile, ciò non ha molto senso dal punto di vista del processo Kompogas nel suo insieme. Sarebbe invece molto interessante trasformare completamente in biogas il materiale organico presente nell'acqua di processo e recuperare nel contempo le sostante nutritive. Le prime analisi fanno supporre che il potenziale di biogas contenuto nell'acqua di processo è comparabile a quello del liquame.

La produzione di gas dall'acqua di processo continua durante lo stoccaggio e lo spandimento sul terreno, con emissioni indesiderate di metano, ammoniaca e protossido d'azoto. Se tali emissioni potessero essere evitate, l'ecobilancio complessivo dell'impiego della biomassa mediante il procedimento Kompogas ne risulterebbe notevolmente migliorato. Inoltre sarebbe auspicabile concentrare il fertilizzante contenuto nell'acqua di processo, in modo da ridurre il volume di stoccaggio e di trasporto e semplificare l'applicazione.

In termini concreti andrebbe valutato se la gassificazione idrotermale catalitica è un processo adeguato per la completa gassificazione e metanizzazione dell'acqua di processo, con  recupero parallelo delle sostanze nutritive.

Il vostro interlocutore: Sandra Hermle
Ultima modifica: 07.12.2009


Fine zona contenuto





Ufficio federale dell’energia UFE
Formulario di contatto | Basi legali
http://www.bfe.admin.ch/forschungbiomasse/02390/02719/04280/index.html?lang=it