Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Selezione dei siti per depositi in strati geologici profondi: la Nagra presenta alcune domande per perforazioni di sondaggio nella terza tappa

Berna, 27.09.2016 - In data odierna, la Società cooperativa nazionale per l'immagazzinamento di scorie radioattive (Nagra) ha presentato all'Ufficio federale dell'energia (UFE) 16 domande per l'esecuzione di perforazioni di sondaggio nelle aree di ubicazione Giura est e Zurigo nord-est da essa proposte. Le relative procedure di autorizzazione sono state quindi avviate.

Nel febbraio 2016 si sono concluse le misurazioni sismografiche 3D della Nagra nelle regioni di ubicazione Giura est e Zurigo nord-est. A questa ampia indagine nel sottosuolo seguirà, nella terza tappa del Piano settoriale dei depositi in strati geologici profondi, un'indagine basata su perforazioni. A tale scopo la Nagra ha presentato otto domande per ognuna delle regioni di ubicazione. In un secondo momento la Nagra prevede inoltre di presentare domande anche per la regione di ubicazione Lägern nord. Le autorizzazioni per le perforazioni di sondaggio nelle regioni Giura est e Zurigo nord-est saranno pronte non prima della metà del 2018. Le perforazioni vere e proprie avranno luogo solo una volta conclusa la seconda tappa del Piano settoriale e dopo la conferma da parte del Consiglio federale che Giura est e Zurigo nord-est rimangono a far parte della procedura di selezione. Tale decisione non sarà presa prima della fine del 2018 (vedi riquadro).

Con le perforazioni di sondaggio la Nagra intende approfondire le sue conoscenze in vista della scelta definitiva del sito nella terza tappa del Piano settoriale. Dal canto suo l'UFE, in previsione del deposito pubblico delle domande (vedi sotto), organizzerà probabilmente all'inizio del 2017 alcuni incontri informativi per i media, le autorità e la popolazione nelle regioni di ubicazione Giura est e Zurigo nord-est.

Svolgimento delle procedure di autorizzazione per perforazioni di sondaggio

Per ogni domanda sarà svolta una procedura di autorizzazione.

  1. Dopo la presentazione delle domande, l'UFE, con la partecipazione delle competenti autorità specializzate, esaminerà se i documenti sono completi (art. 50 della legge sull'energia nucleare; LENu).
  2. Dopo la presentazione delle domande, compresa la relativa documentazione, l'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) procederà a una valutazione delle domande sotto il profilo della sicurezza, che fisserà in una perizia per ciascuna domanda (art. 72 cpv. 1 LEnu). All'inizio della valutazione effettuerà un esame generale della documentazione.
  3. Una volta accertata la completezza della documentazione, verrà avviata una procedura di opposizione per ciascuna domanda. Le domande verranno pubblicate negli organi ufficiali ed esposte pubblicamente insieme alla relativa documentazione durante 30 giorni (art. 53 cpv. 2 LENu). Durante il deposito pubblico le persone interessate dalle perforazioni di sondaggio possono presentare opposizione (art. 55 cpv. 1 LENu). Il deposito pubblico avrà luogo probabilmente nel primo trimestre del 2017.
  4. Parallelamente al deposito pubblico, l'UFE inviterà i rispettivi Cantoni di ubicazione e le autorità specializzate interessate della Confederazione a presentare un parere in merito al progetto (art. 53 cpv. 1 LENu e art. 62a della legge sull'organizzazione del Governo e dell'Amministrazione).
  5. Successivamente la Nagra potrà prendere posizione in merito alle opposizioni pertinenti. Tutte le opposizioni e la presa di posizione della Nagra saranno quindi trasmesse alle autorità specializzate della Confederazione.
  6. I rilievi presentati dai partecipanti alla procedura, come i pareri dei Cantoni e delle autorità specializzate, saranno resi noti alle parti in causa (diritto di audizione).
  7. Stando allo scadenzario attuale, il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) rilascerà a metà del 2018 le autorizzazioni per le perforazioni di sondaggio richieste, a condizione che i relativi requisiti siano soddisfatti.
  8. È possibile ricorrere contro le autorizzazioni presso il Tribunale amministrativo federale, la cui sentenza può a sua volta essere impugnata dinanzi al Tribunale federale.

Attualmente è in corso la seconda tappa della procedura di selezione dei siti per depositi in strati geologici profondi. Alla fine del 2017 tutti i rapporti, le perizie e i pareri saranno oggetto di un'audizione pubblica della durata di tre mesi.
Alla luce di tutti i fatti rilevanti, presumibilmente entro la fine del 2018 il Consiglio federale deciderà in merito alla conclusione della seconda tappa della procedura di selezione e definirà quali regioni esaminare in modo più approfondito nella terza tappa. Sino al termine di questo processo, per principio resteranno in lizza tutte e sei le potenziali aree di ubicazione.
Se nella seconda tappa dovesse emergere che l'area di ubicazione Lägern nord non può essere eliminata dalla rosa dei siti candidati, come proposto dalla Nagra, occorrerà effettuare ulteriori indagini anche per quest'area di ubicazione. Per evitare ritardi, la Nagra ha già avviato i preparativi per l'analisi sismica 3D e le perforazioni di sondaggio.

Per ulteriori informazioni:

Marianne Zünd, Capo Divisione Media e politica UFE
tel. 058 462 56 75, 079 763 86 11, marianne.zuend@bfe.admin.ch

Editore:

Ufficio federale dell'energia
Internet: http://www.bfe.admin.ch



http://www.bfe.admin.ch/energie/00588/00589/00644/index.html?lang=it