Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Maggiori contributi per la disattivazione dei impianti e per lo smaltimento delle scorie radioattive

Berna, 21.11.2012 - I costi per la disattivazione delle centrali nucleari svizzere, per la fase successiva al loro esercizio e per lo smaltimento delle scorie radioattive ammontano ora a 20,654 miliardi di franchi. Al netto del rincaro, risultano quindi del 10 per cento maggiori delle precedenti stime risalenti al 2006. Le Commissioni del Fondo di disattivazione e del Fondo di smaltimento hanno aumentato di conseguenza i contributi che gli esercenti dovranno versare nei due fondi nel periodo 2012-2016.

In Svizzera, il finanziamento della disattivazione delle centrali nucleari e dello smaltimento delle scorie radioattive che insorgono dopo la disattivazione delle centrali stesse è assicurato da due fondi indipendenti: il Fondo di disattivazione e il Fondo di smaltimento per gli impianti nucleari. Entrambi i fondi sono alimentati con contributi versati dai proprietari degli impianti, che secondo la legge federale sull'energia nucleare sono tenuti ad assumersene i costi.

La base per il calcolo dei contributi è costituita dagli studi sui costi che, ai sensi dell'ordinanza sul Fondo di disattivazione e sul Fondo di smaltimento (OFDS), devono essere aggiornati ogni 5 anni sulla base dello stato più recente della scienza e della tecnica. Un anno fa Swissnuclear, il gruppo specializzato nell'energia nucleare dell'associazione swisselectric, ha presentato alle Commissioni dei Fondi gli studi sui costi 2011, che servono da base per il calcolo dei contributi nel periodo di tassazione 2012-2016 (cfr. comunicato stampa del 24.11.2011). Nel frattempo, gli studi sui costi sono stati esaminati dall'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN), con la partecipazione di esperti esterni, e sono stati giudicati realistici (cfr. comunicato stampa IFSN del 5.11.2012).

I calcoli svolti negli studi sono fondati su una durata d'esercizio presunta di 50 anni per le centrali nucleari (art. 8 cpv. 2 OFDS). Questa base di calcolo vale per il momento anche per la centrale nucleare di Mühleberg, finché non vi sarà una decisione passata in giudicato in merito alla domanda di abolizione del limite temporale della licenza d'esercizio. Se tale limite temporale non sarà abolito, i costi relativi alla centrale nucleare di Mühleberg dovranno essere ricalcolati e la BKW FMB Energie AG dovrà versare nei Fondi eventuali contributi mancanti.

Contributi annuali più elevati per il periodo di tassazione 2012-2016

Nella loro seduta di ieri, le Commissioni del Fondo di disattivazione e del Fondo di smaltimento, tenuto conto dei nuovi costi stimati, hanno fissato in via definitiva i contributi annui che gli esercenti delle centrali nucleari dovranno versare.

Centrale nucleare di Beznau - Fondo di smaltimento
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 959,8 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 1`864,0 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 34,0 milioni di franchi.

Centrale nucleare di Beznau - Fondo di disattivazione
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 449,2 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 903,7 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 18,8 milioni di franchi.

Centrale nucleare di Mühleberg - Fondo di smaltimento
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 360,0 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 874,7 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 18,2 milioni di franchi.

Centrale nucleare di Mühleberg - Fondo di disattivazione
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 243,2 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 588,3 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 12,1 milioni di franchi.

Centrale nucleare di Gösgen - Fondo di smaltimento
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 824,7 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 2752,3 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 27,3 milioni di franchi.

Centrale nucleare di Gösgen - Fondo di disattivazione
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 298,1 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 987,4 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 9,6 milioni di franchi.

Centrale nucleare di Leibstadt - Fondo di smaltimento
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 683,9 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 3709,1 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 38,8 milioni di franchi.

Centrale nucleare di Leibstadt - Fondo di disattivazione
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 334,9 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 1579,0 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 13,3 milioni di franchi.

ZWILAG - Fondo di disattivazione:
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 12,2 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 105,1 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 2,2 milioni di franchi.

Totale Fondo di smaltimento
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 2828,4 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 9200,1 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 118,3 milioni di franchi.

Totale Fondo di disattivazione
Situazione del Fondo al 31.12.2011: 1337,6 milioni di franchi.
Valore da raggiungere entro la messa fuori esercizio: 4163,5 milioni di franchi.
Contributo annuo 2012-2016: 56,0 milioni di franchi.

Revisione dell'ordinanza sul Fondo di disattivazione e sul Fondo di smaltimento (OFDS)

Sono attualmente in corso i lavori preparatori per una revisione della OFDS. Vengono esaminati in particolare i parametri dei modelli per determinare i costi nell'ambito degli studi sui costi e il modo con cui affrontare eventuali ulteriori aumenti dei costi di disattivazione e di smaltimento.

Scheda informativa

Fase successiva all'esercizio: secondo gli studi sui costi 2011, per tutte e cinque le centrali nucleari svizzere, i costi relativi alla fase successiva all'esercizio ammontano a 1,709 miliardi di franchi. Tali costi sono finanziati direttamente dagli esercenti e non entrano a far parte dei fondi.

Costi di disattivazione: secondo gli studi sui costi 2011, i costi di disattivazione delle cinque centrali nucleari svizzere dello ZWILAG ammontano a 2,974 miliardi di franchi e sono coperti interamente dal Fondo di disattivazione. Alla fine del 2011, il capitale accumulato nel fondo ammontava a 1,338 miliardi di franchi. Le risorse ancora mancanti saranno rese disponibili attraverso contributi a carico degli esercenti delle centrali e dai redditi da capitale derivanti dal patrimonio del fondo.

Costi di smaltimento: secondo gli studi sui costi 2011, i costi di smaltimento ammontano a 15,970 miliardi di franchi. I costi di smaltimento che insorgono durante l'esercizio delle centrali nucleari vengono pagati dagli esercenti direttamente. Fino al 2011 si trattava di circa 5,0 miliardi di franchi, che diventeranno 7,523 miliardi di franchi fino alla messa fuori esercizio di tutte le centrali nucleari. Il Fondo di smaltimento copre i restanti 8,447 miliardi di franchi. Alla fine del 2011, il capitale accumulato nel fondo ammontava a 2,828 miliardi di franchi. Le risorse ancora mancanti saranno rese disponibili attraverso contributi a carico degli esercenti delle centrali e dai redditi da capitale derivanti dal patrimonio del fondo.

Per ulteriori informazioni:

Marianne Zünd, portavoce UFE, tel. 031 322 56 75

Editore:

Ufficio federale dell'energia
Internet: http://www.bfe.admin.ch


http://www.bfe.admin.ch/energie/00588/00589/00644/index.html?lang=it