Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



La Confederazione sostiene i Cantoni nella pianificazione di piccole centrali idroelettriche

Berna, 08.03.2011 - La rimunerazione a copertura dei costi per l'immissione in rete di energia elettrica per corrente proveniente dalle energie rinnovabili (RIC) ha avuto come conseguenza in Svizzera la realizzazione di numerosi progetti di piccole centrali idroelettriche. Le pro-cedure di autorizzazione e di rilascio della concessione per questi impianti, in parte controversi, sono di competenza dei Cantoni, che adesso ricevono un sostegno dalla Confederazione. Oggi gli Uffici federali dell'ambiente, dell'energia e dello sviluppo territoriale hanno pubblicato delle raccomandazioni per l'elaborazione di strategie cantonali relative alla protezione e all'utilizzo nel settore delle piccole centrali idroelettriche.

Secondo la legge sull'energia, in Svizzera la generazione di energia elettrica a partire da energie rinnovabili deve essere aumentata entro il 2030 di almeno 5,4 miliardi di chilowattora (kWh) rispetto al livello del 2000. Le centrali idroelettriche grandi e piccole dovranno contribuire al raggiungimento di quest'obiettivo generando circa due miliardi di kWh, ossia il 37 per cento (pari al fabbisogno energetico di 400 000 economie domestiche). Le centrali idroelettriche in funzione dal 2000 o in costruzione contribuiscono già alla produzione di circa la metà della quantità fissata come obiettivo.

Uno strumento per raggiungere l'obiettivo stabilito dalla legge sull'energia è costituito dalla rimunerazione a copertura dei costi per l'immissione in rete di energia elettrica (RIC) per corrente proveniente dalle energie rinnovabili. L'adozione di questo strumento ha determinato la realizzazione di numerosi nuovi progetti, che le autorità cantonali e comunali devono ora esaminare dal punto di vista della produzione di energia elettrica e della protezione delle acque e del paesaggio. Secondo la legge federale sulla protezione delle acque è necessario evitare ripercussioni sulle acque. Dal 1° gennaio 2011 la legge prevede anche nuove disposizioni sulla rivitalizzazione delle acque in Svizzera.

Per sostenere i Cantoni nell'adempimento di tale compito e garantire una procedura di valutazione dei corsi d'acqua e dei progetti idroelettrici il più uniforme possibile a livello nazionale, gli Uffici federali dell'ambiente, dell'energia e dello sviluppo territoriale hanno elaborato congiuntamente delle raccomandazioni per l'elaborazione di strategie cantonali di protezione e di utilizzo nel settore delle piccole centrali idroelettriche. Dette raccomandazioni comprendono criteri ecologici, energetici ed economici, in base ai quali vengono ponderati gli interessi relativi alla protezione e il potenziale  per la produzione di energia. Si ricavano così quattro categorie per la classificazione dei corsi d'acqua: "protezione rigorosa", "protezione", "interesse all'utilizzazione con riserva" e "interesse all'utilizzazione". Diversi servizi cantonali dell'energia e della protezione delle acque hanno collaborato all'elaborazione delle raccomandazioni.

La produzione energetica da piccole centrali idroelettriche è interessante soprattutto in siti con un elevato potenziale energetico ma con scarso valore ecologico e paesaggistico. In genere, alla costruzione di nuovi impianti è preferibile il rinnovo e l'ampliamento di quelli esistenti.

Per ulteriori informazioni:

Stephan Müller, capo della divisione Acque, UFAM, tel. 031 322 93 20
Marianne Zünd, responsabile della sezione Comunicazione, UFE, tel. 031 322 56 75
Lena Poschet, responsabile del settore Energia e territorio, ARE, tel. 031 325 57 53

Editore:

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
Internet: http://www.bafu.admin.ch/it
Ufficio federale dell'energia
Internet: http://www.bfe.admin.ch
Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Internet: https://www.are.admin.ch/are/it/home.html


http://www.bfe.admin.ch/energie/00588/00589/00644/index.html?lang=it