Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



L'Ufficio federale dell'energia assegna per la quarta volta il premio Watt d'Or

Berna, 06.01.2010 - L'estrema varietà delle proposte inoltrate per l'assegnazione del rinomato premio svizzero Watt d'Or 2010 dell'Ufficio federale dell'energia (UFE) dimostra che in Svizzera il panorama energetico sostenibile è fiorente e ha prodotto anche quest'anno progetti innovatori e idee eccellenti. I vincitori del Watt d'Or 2010 saranno premiati il 7 gennaio 2010 a Berna da Pascale Bruderer Wyss, presidente del Consiglio nazionale e membro della giuria "Watt-d'Or" e da Chiara Simoneschi-Cortesi, la presidente della stessa giuria.

Nell'ambito del concorso "Watt d'Or", l'UFE premia per la quarta volta persone e organizzazioni che hanno ideato progetti e iniziative esemplari volti a promuovere un futuro energetico sostenibile. Il riconoscimento non prevede premi in denaro. L'obiettivo di "Watt d'Or" è quello di far conoscere al pubblico i progetti e di motivare il mondo dell'economia e della politica nonché la popolazione a scoprire i vantaggi loro offerti dalle tecnologie energetiche all'avanguardia.

Nel quadro del concorso "Watt d'Or 2010" sono stati inoltrati oltre 60 progetti rientranti nelle cinque categorie stabilite. Un gruppo di esperti del ramo ha valutato le candidature scegliendo i 18 contributi da prendere in considerazione nella tornata finale. Sotto la presidenza di Chiara Simoneschi-Cortesi, la giuria di "Watt d'Or" ha in seguito nominato i cinque vincitori che saranno premiati il 7 gennaio 2010 con il trofeo "Watt d'Or", ovvero una splendida palla di vetro con la neve creata dall'artista viennese Erwin Perzy.

I vincitori del concorso Watt d'Or 2010

Categoria 1: società

«Gordola - Approvvigionamento idrico sostenibile», Azienda Acqua Potabile Comunale Gordola

Risparmiare acqua significa risparmiare energia. Anziché applicare questa regola con un progetto sovradimensionato e milionario, il Comune ticinese di Gordola ha riparato le falle della rete dell'acqua potabile ponendo fine ai picchi di consumo. Con l'energia risparmiata, è stato possibile approvvigionare 200 economie domestiche per un anno intero.

Categoria 2: tecnologie energetiche

«Produzione di energia elettrica attraverso la decompressione di gas naturale con una turbina», Gasverbund Mittelland AG, Arlesheim

A Oberbuchsiten nel Cantone di Soletta si trova una centrale elettrica speciale. Un cosiddetto impianto di decompressione di gas naturale assorbe l'energia liberata quando il gas passa dall'alta pressione delle condotte principali alla bassa pressione della rete di distribuzione ai consumatori. Da questa energia a bassa emissione di CO2, che in altri luoghi non viene sfruttata, Oberbuchsiten ricava corrente per circa 1200 economie domestiche.

Categoria 3: energie rinnovabili

«SwissFarmerPower», SwissFarmerPower Inwil AG, Lucerna

Il più grande impianto a biogas della Svizzera si trova nel Comune di Inwil, nel Cantone di Lucerna. Dall'ottobre 2008, tale impianto trasforma i rifiuti biogeni in biogas. Quest'ultimo è poi utilizzato come carburante a impatto zero per i veicoli a gas naturale. Al progetto, che interessa impianti dal costo di 22 milioni di franchi, partecipano anche 72 agricoltori.

Categoria 4: mobilità

«Motore ibrido pneumatico», Institut für Dynamische Systeme und Regelungstechnik (Istituto dei sistemi dinamici e della tecnica di regolazione), Politecnico federale di Zurigo

Il team del professor Lino Guzzella del PF di Zurigo ha sviluppato, per la prima volta a livello mondiale, un motore ibrido pneumatico a prezzo conveniente che, con un costo aggiuntivo di solo il 20 per cento rispetto ai motori tradizionali, raggiunge un risparmio energetico fino al 30 per cento.

Categoria 5: edifici

«Ammodernamento di un edificio plurifamiliare nella Feldbergstrasse 4-6 e conversione in una casa energia plus», Viridén + Partner AG, Zurigo

A prima vista non si vede che l'edificio situato nella Feldbergstrasse 4-6 di Basilea è in anticipo sui tempi. Tuttavia, queste case plurifamiliari adiacenti e completamente ammodernate che risalgono al 1896 fissano un nuovo parametro per il futuro poiché in un anno consumano una quantità inferiore di energia per il riscaldamento rispetto a quella che producono.

Ulteriori informazioni

Ulteriori informazioni riguardo ai progetti premiati, ai vincitori e alla giuria saranno pubblicate nel numero speciale della rivista energeia (in tedesco e francese) dedicato al concorso "Watt d'Or 2010".

Avviato il concorso "Watt d'Or 2011"

Nel frattempo è stato lanciato il concorso "Watt d'Or 2011", aperto fino al 31 luglio 2010. La documentazione è disponibile all'indirizzo Internet: www.wattdor.ch.

La cerimonia d'assegnazione del premio "Watt d'Or 2010" avrà luogo il 7 gennaio 2010 dalle 16.30 alle 18.00 nell'Hotel Allegro Kursaal di Berna.

Per ulteriori informazioni:

Marianne Zünd, portavoce UFE, tel. 031 322 56 75 / 079 763 86 11

Editore:

Ufficio federale dell'energia
Internet: http://www.bfe.admin.ch


http://www.bfe.admin.ch/energie/00588/00589/00644/index.html?lang=it